santi dizionario

Sant’Elena di Gerusalemme: dizionario dei santi

Il santo è indicato anche come Sant’Augusto, Sant’Elena o Elena di Costantinopoli. Era la madre di imperatore Costantino. La maggior parte delle teorie tradizionali l’hanno associata a il Vera Croce.

La santità di Elena

Varie chiese hanno la considerazione che lei è una santa e le chiese includono la Chiesa cattolica romana, Ortodossa Orientale, Chiese luterane, Ortodossa Orientale e la comunicazione anglicana. La chiesa ortodossa osserva le feste sia di Sant’Elena che di San Costantino lo stesso giorno, il 21 maggio, allo stesso modo, altre chiese che includono luterana e anglicana osservano la festa nel giorno originale (data orientale), come per la Chiesa cattolica romana la festa si festeggia il 18 agosto.

Richiedere petizioni per quanto segue:

  • Ritorno di un amante.
  • Amore
  • Festa: 18-ago
  • Giorno: venerdì
  • Candela/Emblema: Rosso o rosa. Attraverso.
  • Questioni riguardanti: Ritorno dell’amore, amore e superamento della tristezza. Patrona degli archeologi

scoperte di reliquie

Durante il suo regno, l’imperatore Costantino, fece un appuntamento in cui sua madre divenne Augusta Imperatrice, questa posizione le consentiva pienamente l’accesso al tesoro in modo che potesse occuparsi di tutte le reliquie del cristianesimo.

La storia poi sostiene che, Helena si recò in alcuni dei luoghi più santi della terra di Palestina, ci sono affermazioni che sovrintendesse alla costruzione di due chiese ben note nell’area in particolare; la chiesa degli ulivi e la chiesa della natività che furono costruite sui luoghi in cui Gesù nacque e ascese.

In un altro caso, si dice che Sant’Elena abbia avviato la costruzione di una chiesa in Egitto per commemorare il punto esatto in cui Mosè vide il roveto ardente quando fu chiamato a condurre gli israeliti fuori dall’Egitto.

Si dice che Elena abbia ordinato la ricostruzione della città di Gerusalemme poiché era stata grandemente distrutta dall’imperatore Adriano che aveva costruito un tempio idolo sulla tomba di Gesù, i templi erano dedicati a uno dei pianeti Giove o Venere.

Si dice che Elena abbia ordinato la demolizione del tempio dell’idolo e poi abbia scelto un sito di scavo in cui sono state scoperte tre croci. Helena era una donna che non poteva credere a nulla prima di vederlo. Si sostiene che in un caso abbia ordinato che una donna malata fosse portata alla croce.

Portata sul posto mentre stava per morire, toccò la prima croce e non accadde nulla ma toccando le altre croci si verificò un drastico cambiamento nella sua salute, quindi concluse che la vera croce era allora una con più poteri. L’imperatore Costantino ordinò quindi la costruzione di una chiesa nell’area in cui fu scoperta la croce. Elena fece costruire diverse chiese in tutto il regno.

Nel Regno Unito ci sono più di venticinque pozzi sacri che sono stati dedicati a questo Santo. È stata anche nominata patrona di due cappelle in Abingdon e Colchester.

Lo stemma della cittadina di Colchester le ha conferito un onore includendo una croce e tre chiodi nello stemma. A Nottingham, anche lo stemma è stato realizzato per assomigliare alla croce e ai chiodi poiché la città è stata collegata al padre del Santo.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.