Dizionario della superstizione

Presepe di Natale

Sblocca i segreti nascosti del Christmas Children’s Play

La storia delle rappresentazioni della natività deriva dalla parola “natal” è una parola latina che significa nascita.

Il Natale è tutto incentrato sulla nascita di Gesù Cristo e le rappresentazioni della natività durante il periodo natalizio celebrano la nascita di Cristo. Nelle tradizioni del Regno Unito, le scuole primarie eseguono rappresentazioni della Natività per intrattenere la gente del posto e i genitori. Nelle commedie viene ricreata la nascita di Gesù, che racchiude una storia che racconta come Giuseppe e Maria ricevettero la visita dei Magi e dei pastori. Tutte le parti della commedia sono recitate dai bambini. Se la scuola ha una chiesa, la recita si svolgerà in chiesa. È anche risaputo che, durante le feste natalizie, nelle scuole domenicali delle chiese si tengono le rappresentazioni della Natività.

Come è stato fatto?

In passato animali come il bue e l’asino venivano incorporati nel gioco dal vivo, ma a volte i bambini si limitavano a travestirsi da animali per agire come animali. La prima rappresentazione della natività mai registrata è stata registrata nella grotta dai monaci in Italia, nel 1223. Questo era per ricordare alla gente del posto che Gesù era nato in una famiglia normale – e non in una famiglia ricca.

San Francesco d’Assisi e la rappresentazione della Natività:

Si ritiene che San Francesco abbia usato figure di legno nella commedia per ogni personaggio e dopo che il gioco è diventato popolare, le persone reali hanno iniziato ad assumere i ruoli nel gioco. Le canzoni sono state cantate dagli attori e i canti di Natale sono diventati popolari.

I presepi e il presepe:

Il presepe è stato utilizzato per creare un luogo dove dormiva Gesù bambino e questa è l’origine dei presepi moderni trovati nelle case di tutto il mondo per i bambini piccoli – che dovevano ricordare alla gente la storia. I presepi sono l’elemento più decorato durante il Natale in alcuni paesi. I presepi sono in uso dal 1020 in Italia, in particolare nella città di Napoli, dove i presepi venivano decorati in tutte le case per festeggiare il Natale. Significa che hanno iniziato a decorare il presepe, anche prima che San Francesco d’Assisi iniziasse a recitare la sua rappresentazione della natività. È a Napoli che troverai il presepe più grande del mondo che conta 162 persone, 450 oggetti più piccoli, 80 animali e angeli.

Malta e presepi:

I presepi sono parte integrante delle celebrazioni natalizie a Malta. Sebbene provenisse dall’Italia, il primo presepe maltese fu realizzato a Malta nell’anno 1617 dove fu esposto nella chiesa dei frati domenicani a Rabat. Il presepe più antico al mondo conservato si trova a Malta, presso il Monastero di San Pietro a Mdina e risale al 1670. È un tesoro nel suo genere, curato dalle monache benedettine. Condividi queste informazioni con gli altri nella tua cerchia di social media in modo che possano saperne di più sul gioco della natività e su come sono incorporati nelle feste di Natale.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.